Azienda

Alemanna
Giorgio & Ivano

La magnifica città di Caltagiorne, o qal’at-al-ghiran “Castello (o fortezza) di vasi” in Arabo, incastonata tra Catania e Gela, in Sicilia è considerata per una buona ragione la “Culla della Ceramica”.

Classificata come patrimonio mondiale dell’Unesco, la città rappresenta  una delle più importanti produzioni di ceramiche dell’isola. Una tradizione millenaria, che si è arricchita nel corso dei secoli, grazie alla cultura e i popoli che vivevano in questa città, i quali hanno  lasciato  numerose testimonianze archeologiche e artistiche.

È in questa città e nella sua affascinante cultura, che inizia  la storia di questi due fratelli, Giorgio e Ivano Alemanna.

Era lo scorso 1997, quando i due fratelli decisero di costruire un’Azienda familiare basata sul rispetto delle radici storiche della città.

Dall’idea di continuare a esplorare la tradizione  e la sua memoria, Giorgio e Ivano approdano oggi a un senso di essa in chiave  innovativa, moderna e nuova. Per tale ragione, le  Maioliche Artistiche Giorgio Ivano Alemanna, è leader nella produzione e commercializzazione della ceramica.

Nei loro negozi, si trova di tutto,  dall’antica riproduzione di vasi o teste di Moro, a mobili o oggetti contemporanei unici,  che rispettano la nostra epoca ma non dimenticano il passato.

Le loro creazioni, hanno raggiunto un successo internazionale in città come la Russia, gli Stati Uniti d’America e gli Emirati Arabi Uniti.

Ciò che li rende forti e conosciuti anche  nel mercato internazionale è la competenza e la professionalità che da sempre li contraddistingue, senza dimenticarci il  vero valore del loro lavoro, ossia l’amore per questa Arte, che tramandano in ogni singolo pezzo delle loro creazioni.

Ai sensi del rispetto di quanto previsto dalla L. 127/2017 si rende noto

Che la Società MAIOLICHE ARTISTICHE GIORGIO & IVANO ALEMANNA SRL ha percepito nell’anno 2020 aiuti di stato così come

Pubblicato nel registro Nazionale aiuti di Stato (RNA) Sezione Trasparenza.

La Società risulta beneficiaria, altresì, di contributi di cui al Decreto Rilancio

Art. 25 DL 34/2020.